Norme sui nostri scaldasalviette

Su questa paggina ritrova tutte le norme et informazioni relative agli scaldasalviette che proponiamo sul nostro sito, per assicurare qualita e sicurezza su tutti i nostri prodotti.

Cliccare sulla rubrica per scoprirne il contenuto

a. Scaldasalviette ad acqua calda

Lo scaldasalviette viene alimentato con acqua calda generata da una caldaia attraverso il sistema di riscaldamento centrale. Gli scaldasalviette ad acqua calda sono conformi alle norme comuni per gli impianti di riscaldamento. La norma europea NF-EN 442 definisce le specifiche tecniche e i requisiti dei vari apparecchi di riscaldamento utilizzati negli edifici.
Non avendo una predisposizione elettrica, non ha gli stessi vincoli normativi della sua controparte elettrica. Non ci sono requisiti specifici per l'installazione in bagno. Per saperne di più su come collegare lo scaldasalviette all'acqua calda.


sèche-serviette eau chaude norme installation


b. Scaldasalviette elettrico
Quando si sceglie uno scaldasalviette elettrico, è necessario rispettare la norma CEI 64-8, lo standard elettrico in vigore in Francia per i bagni. Di seguito vi spieghiamo cosa dovete sapere per rispettare questa norma e godervi il vostro apparecchio di riscaldamento in tutta sicurezza.

c. Scaldasalviette misto
Lo scaldasalviette misto combina le due modalità di funzionamento "ad acqua calda" ed "elettrico".
Poiché gli scaldasalviette misti sono collegati elettricamente, devono soddisfare gli stessi requisiti normativi per l'installazione degli scaldasalviette elettrici, ossia la norma CEI 64-8.

a. Aspetti generali
Per sfruttare al meglio la sua potenza termica, è generalmente consigliabile posizionare lo scaldasalviette ad almeno 20cm dal pavimento, ad almeno 15cm dal soffitto ed evitare di collocarlo sotto una presa d'aria. Lasciare uno spazio libero sufficiente per sfruttare al meglio il calore erogato.

b. Classi elettriche degli scaldasalviette
Gli scaldasalvietre si dividono essenzialmente in due classi elettriche. La maggior parte dei prodotti di consumo è costituita da scaldasalviette elettrici di Classe II, il che significa che l'apparecchio ha un doppio isolamento elettrico e non richiede un collegamento a terra. Per gli apparecchi di Classe I, le parti metalliche devono essere collegate a terra e l'installazione è più restrittiva per quanto riguarda gli attuali standard elettrici.

c. Volumi elettrici di in bagno
Poiché l'acqua conduce l'elettricità, in un ambiente umido aumenta il rischio di elettrificazione o addirittura di folgorazione. La norma CEI 64-8 stabilisce i volumi elettrici che regolano l'installazione dei vari apparecchi elettrici (prese, interruttori, scaldasalviette, elettrodomestici, illuminazione) in base alla loro disposizione nel locale doccia. Queste disposizioni garantiscono la sicurezza delle persone.
Dopo le ultime modifiche alla norma, sono stati considerati 3 volumi elettrici, mentre il resto del bagno è considerato un "non volume" per il quale non ci sono particolari restrizioni.


Volume elettrico bagno


i. Volume 0
Il volume 0 corrisponde ai contenitori d'acqua come il piatto doccia o la vasca da bagno. In questo volume non sono ammesse apparecchiature elettriche.
Per le docce senza piatto doccia (doccia italiana), questo volume è rappresentato da una distanza dal pavimento di 1m20 per un'altezza di 10 cm. Per precauzione, per le docce con piatti di larghezza inferiore a 1m20, si consiglia di considerare anche il volume 0 a una larghezza di 1m20 dal pavimento.

ii. Volume 1
Il volume 1 corrisponde a tutto ciò che si trova sopra il contenitore dell'acqua (volume 0) fino a 2.25m dal fondo del contenitore. Per le vasche da bagno e le apparecchiature con piatto doccia (ad eccezione delle docce italiane), questo volume si estende generalmente fino al soffitto.
In quest'area può essere installata solo l'illuminazione a bassissima tensione.
Si noti che per le docce senza piatto, come le docce italiane, la superficie del pavimento che definisce la larghezza del volume 1 corrisponde a una distanza di 1m20 dalla fonte di proiezione dell'acqua: o dal centro del soffione fisso, o dal perimetro esterno per una "doccia a pioggia", o dal punto di collegamento alla base del tubo flessibile della doccia.

Volumi elettrici doccia italiana


iii. Volume 2
Il volume 2 costituisce l'area aggiuntiva ottenuta aggiungendo 60 cm al volume 1. Il volume 2 è sempre delimitato dal pavimento fisico fino a coincidere con la stessa altezza del volume 1.
Delimitando in questo modo i volumi del bagno, è facile capire cosa è consentito fare per la disposizione dello scaldasalviette.
Il caso particolare delle pareti fisse e permanenti :
È possibile passare direttamente da un volume 1 a uno spazio classificato come "fuori volume" per mezzo di pareti che fungono da box doccia o vasca da bagno. Queste pareti devono essere solidamente fissate alla parete e realizzate con materiali rigidi (cartongesso, gesso, parete in vetro/plexiglas fissata alla parete) e a condizione che la loro altezza corrisponda all'altezza standard del volume 1. Per le pareti fisse ma rimovibili (scorrevoli o oscillanti), questa specificità non si applica e le regole relative al volume 2 si applicano ai 60 cm oltre queste pareti.

d. Classi di protezione IP per gli scaldasalviette
Prima di acquistare il vostro scaldasalviette di classe II, verificate che abbia un grado di protezione minimo IPx4 contro i liquidi (2° numero della sigla), essendo X un numero da 0 a 6 che definisce la protezione contro l'ingresso di oggetti solidi. Tutti i nostri prodotti hanno un grado di protezione minimo IPx5, per una protezione che va oltre la norma.
Gli scaldasalviette a ventola sono classificati IP24 per garantire un'elevata sicurezza se installati in prossimità di una vasca da bagno, con una distanza minima di 60 cm.

e. Dove deve essere installato il vostro scaldasalviette?
Uno scaldasalviette di classe II, con un grado di protezione minimo di IPx4, può essere installato in qualsiasi zona della casa designata come "esterna alla stanza", ma anche nella stanza (o zona) 2.
Assicurarsi, tuttavia, che il pannello di controllo non sia accessibile da contenitori d'acqua.
L'uscita del cavo deve essere posizionata dietro l'asciugamano o "fuori volume", ma non può essere collocata accanto all'asciugamano, pur rimanendo nella zona 2.
Tutti i nostri riferimenti sono standardizzati in Classe II. Se acquistate uno scaldasalviette di Classe I, tenete presente che può essere installato solo nella sezione "fuori volume".

a. Procedura da seguire
È possibile installare uno scaldasalviette da soli seguendo i passaggi indicati di seguito. Tuttavia, per sicurezza, si consiglia di rivolgersi a un professionista (idraulico, impresa di ristrutturazione edilizia, ecc.).
- Prendete nota delle dimensioni che definiscono la posizione dello scaldasalviette. A tale scopo, utilizzate la dima di foratura contenuta nella confezione o definite voi stessi le dimensioni utilizzando le istruzioni.
- Quindi tracciate i punti di foratura con un metro a nastro e una livella.
- Praticare i fori di montaggio per l'apparecchio e montare i tasselli.
- Avvitare quindi le basi del sistema di fissaggio nei tasselli, che sosterranno i distanziatori.
- Collegare i distanziali e bloccarli in posizione dopo averne verificato la planarità.

b. Predisposizione dello scaldasalviette
Infine, è necessario effettuare la predisposizione elettrica
A tale scopo, assicuratevi di disattivare l'alimentazione elettrica della vostra abitazione. Dovrete collegare i fili giallo e verde direttamente a una presa a muro. Assicuratevi di eseguire questa operazione in un ambiente perfettamente pulito e asciutto (compreso il pavimento).
Per evitare il rischio di folgorazione, assicuratevi che lo scaldasalviette sia protetto da un interruttore automatico da 10 o 20 A e da un interruttore differenziale da 30 mA.

Preventivo rapido Preventivo rapido Gratis e personalizzato per i professionisti
© Copyright Matisere - Scaldasalviette Expert - 2024